Checchi e Roscetti (Attiva Guidonia): “Una clausola sociale per l’impiego di manodopera locale”

0

La crisi economica che sta attraversando anche Guidonia Montecelio merita massima attenzione da parte delle istituzioni locali e di tutte le forze politiche. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria del coronavirus, in Italia, ha perso il lavoro circa un milione di persone (dati Istat) e tanti cittadini di Guidonia Montecelio si trovano in questa situazione drammatica. Oltretutto si assiste ad una situazione controversa, in quanto diverse imprese che operano nel territorio assumono persone che non vivono nella Città dell’Aria.

“È fondamentale aiutare anche i nostri cittadini e come gruppo consiliare AttivaGuidonia abbiamo presentato una mozione dettagliata, con la quale si impegna l’amministrazione comunale di Guidonia Montecelio ad inserire nei bandi di gara, negli inviti in caso di procedura senza bando, negli affidamenti diretti, nei capitolati d’oneri ecc., una clausola sociale per l’occupazione di manodopera locale da reperire mediante il Centro per l’impiego evitando così di raccomandare i parenti, gli amici, i collaboratori di politici o gli stessi politici. In caso di aggiudicazione o affidamento, le imprese si impegnano a reperire manodopera locale nel limite non inferiore al 50% dei nuovi assunti con maggiore attenzione a soggetti disoccupati, in cerca di prima occupazione e donne. Auspichiamo che la mozione venga calendarizzata nel prossimo consiglio comunale per essere votata all’unanimità. Il lavoro non ha colore politico e per Guidonia Montecelio deve essere una priorità, cercando di sostenere con ogni mezzo i giovani, le donne e i tanti disoccupati”, dichiarano in una nota i consiglieri comunali Anna Checchi e Lorena Roscetti.

La durata della concessione del Comunale di Guidonia Montecelio? Anche fino a 20 anni

Comments are closed.