Incendio doloso nell’Istituto Manzi di Villalba di Guidonia, le reazioni

0

Incendio doloso all’Istituto Manzi di Villalba dove è stato appiccato il fuoco ad un’aula ed alle postazioni dei collaboratori scolastici.
“In questo momento, in cui il sistema educativo e scolastico è stato già messo a dura prova dalla pandemia da Covid 19 – dichiara l’assessore alla Pubblica Istruzione Elisa Strani – arriva un gesto scellerato da soggetti senza alcun senso civico, che non hanno nessun rispetto per la società e vanno a colpire la categoria più fragile: i nostri figli”.

“Sono costernata per questa vicenda- continua Strani- e condanno fortemente questo gesto sconsiderato, e spero che il lavoro degli inquirenti possa far luce al più presto sull’accaduto, individuando i responsabili”.
Sul posto si è recato il sindaco Michel Barbet. “Appena saputo della notizia mi sono recato sul posto- dichiara il sindaco Michel Barbet- si tratta di un gesto vile e criminale che ci lascia assolutamente sgomenti. Le forze dell’ordine sono già a lavoro per individuare i soggetti autori di questo gesto, da parte della nostra amministrazione ci sarà la massima collaborazione in questo senso. La nostra condanna è ferma e decisa, non possiamo assistere a simili azioni”.

“Non riesco ad immaginare cosa passi nella mente di chi appicca il fuoco in una scuola. Non è solo un atto deprecabile, come lo è sempre il danneggiamento di un bene pubblico, ma anche un gesto altamente simbolico del declino sociale e culturale a cui si è avviato questo quartiere. La scuola, la cultura in generale, è l’antidoto al degrado. Il fatto che qui si incendino gli istituti scolastici la dice lunga sullo stato di abbandono e di totale insicurezza in cui versa questa frazione. La triste verità è che questa amministrazione ha lasciato peggiorare la situazione fino allo scempio che oggi è sotto gli occhi di tutti, vanificando tutti gli sforzi di riqualificazione che negli anni erano stati fatti. Da tempo chiediamo al Sindaco più controlli in quella zona, dove addirittura era stato interdetto l’uso del giardinetto della materna perché pieno di cocci di bottiglie, lanciate all’interno della scuola dai frequentatori notturni della vicina piazza Martiri delle Foibe. Solo pochi mesi fa avevamo visitato con un gruppo di cittadini la palestra comunale di fronte la scuola, anch’essa oggetto di un incendio doloso. Chiusa, senza nessun progetto di riqualificazione, ancora, a quanto è dato sapere, gravata da un’ipoteca dell’agenzia delle entrate. Chiederò al dirigente al ramo una rapida verifica dei danni, l’amministrazione deve mettere a disposizione dell’istituto scolastico Manzi tutti i mezzi necessari per garantire la continuità didattica in questo anno già così difficile”, dichiara il consigliere comunale Arianna Cacioni (Lega).

Comments are closed.